libri universitari


Ricerca Libri
Titolo: Autore: Editore: Argomento:
La cultura del diritto nell’epoca della globalizzazione.

L’emergere delle costituzioni civili.

Pubblicato da: La Redazione on 1st November 2006

Gunther Teubner

di Gunther Teubner .Roma: Armando Editore, 2005.
Ad una prima lettura, la raccolta dei saggi del giurista tedesco Gunther Teubner appare perfettamente in linea con lo Zeitgeist postmodernista. Finzioni giuridiche, modelli rizomatici, ambiguità semantiche, assenza di una meta-livello interpretativo e sostituzione delle gerarchie con una dialettica centro-periferia, differenze inconciliabili tra sistemi emergenti, relativizzazione dello Stato, globalizzazione, frantumazione del diritto: il glossario post-moderno percorre gli scritti di Teubner con una naturalezza degna del migliore Lyotard. Ma a differenza di tanta letteratura contemporanea, l’opera dell’autore tedesco non si pone come disegno normativo di un futuro reso presente dalle dinamiche economiche globali, né come legittimazione di uno status ormai quo. Teubner al contrario mostra gli specifici luoghi in cui il diritto è soggetto in maniera più evidente alle tendenze contemporanee, e si spinge fino a proporre modalità di depotenziamento rispetto a quegli aspetti della contemporaneità che spingono il diritto globale verso forme di giustizia feudali.



Costituzioni civili. La raccolta si compone di sei saggi, il cui filo conduttore è costituito dall’emergere di sistemi di governo in luoghi epistemologici situati oltre il campo classico del diritto, in sottosistemi sociali che, come entità autopoietiche inserite in un contesto comunicativo, generano e rigenerano autonomamente le proprie norme interne. E’ il caso della lex mercatoria, su cui l’autore si sofferma in particolar modo nel primo saggio, ma anche della lex labori e della lex sportiva internationalis, nonché della lex digitalis, della lex costrutionis, eccetera. Questi sistemi giuridici, secondo l’autore, sono già riconoscibili come autonomi assetti normativi generati, su scala globale, da sottosistemi impegnati nella propria auto-organizzazione, che si sono nel tempo espansi senza poter attendere un riconoscimento dalle tradizionali teorie stato-centriche del diritto. Il diritto della lex mercatoria, secondo Teubner, si caratterizza per un alto decentramento dei processi di giuridificazione politica e per una conseguente organizzazione delle fonti del diritto non più gerarchica, ma eterarchica.
“La lex mercatoria è [...] un diritto che include simultaneamente il sociale” . E in un contesto sociale altamente pluralizzato come quello delineato dai processi della globalizzazione, le differenze tra le logiche di un particolare sottosistema sociale ed il diritto, piuttosto che essere intese come incompatibilità paradossali, vanno indagate nell’ottica di un “accoppiamento strutturale” tra logiche diverse che si necessitano l’un l’altra. Ed è essenzialmente questa la soluzione teorica proposta da Teubner affinché quei “governi privati che posseggono in realtà un carattere fortemente pubblico” non finiscano a legiferare una “legge corrotta”. In estrema sintesi, la proposta di Teubner è il riconoscimento delle possibilità sociali di normazione a patto che esse siano generate alla periferia del sistema giuridico.
Questa idea è valsa a Teubner fama immediata negli ambienti accademici internazionali, in quanto portatrice di una via di fuga dallo stallo creatosi a causa di una tensione tra opzioni radicali: non riconoscere le “costituzioni civili” – lanciando il sistema del diritto in una collisione con sistemi sociali globali che hanno già sviluppato procedure di normazione molto avanzate; oppure “lasciar fare” alle forze endogene del sottosistema– frantumando ogni sua possibile legittimazione democratica. Ricondurre la propria genesi alla periferia del diritto significa, per un sistema sociale di produzione legislativa, “politicizzarsi, sottoporre i propri meccanismi interni al controllo e al dibattito pubblico”.

Tale prospettiva implica, quindi, non solo un “passaggio legittimante” tra le lande del diritto (o dei suoi linguaggi, codici e formati), ma una necessità di comunicazione tra gli attori che normano il sottosistema “lontano dallo Stato”. Una comunicazione trasparente, che consenta, attraverso la ”osservazione reciproca dei nodi”, la riformulazione delle norme civili nei termini dei diritti costituzionali. Una comunicazione inclusiva, ovvero dotata di quelle infrastrutture necessarie affinché una sfera pubblica globale possa emergere quale sistema fondante della legittimità delle pratiche civili di normazione.
Questione fondamentale della costituzionalizzazione dei regimi civili è quindi una “simultanea generalizzazione e ri-specificazione dei fenomeni costituzionali. Generalizzazione significa separare il concetto di costituzione da alcune particolarità del sistema politico e, in particolare, degli apparati dello Stato”. La ri-specificazione consiste d’altro canto nel “ripensamento delle istituzioni costituzionali” sulla base delle “specificità del sottosistema, [del]le sue particolari operazioni, media, codici e programmi” . I principi fondamentali di ogni sottosistema andranno quindi rintracciati presso la periferia del diritto, ossia là dove sono stati generati in secoli di teoria e lotta democratica, ma il loro apparato implementativo dovrà costituirsi seguendo le logiche peculiari di quel sottosistema.
Il messaggio di Teubner è dunque che esiste un diritto che non è diritto pubblico riconducibile allo Stato, né è diritto privato fondato sull’individuo. Tale diritto si configura nella dualità costituzionale che prevede “una produzione organizzata di norme nei sottosistemi sociali che si collocano alla periferia del diritto e una produzione spontanea di norme al centro del diritto stesso” . La condizione affinché un siffatto processo risulti nel tempo essenzialmente democratico risiede nello “sviluppo di controlli reciproci tra la sfera spontanea e quella organizzata”. Una condizione, per inciso, su cui lo stesso autore pone poche speranze.


Il modello teubneriano, come già osservato, risulta particolarmente utile ad aprire un varco intellettuale verso un approccio positivo alla realtà della globalizzazione. Il suo significato più propriamente politico è quello dell’urgenza di una tematizzazione delle dinamiche tipiche di processi normativi già largamente evoluti. Ciò che lascia nel dubbio è il tentativo dell’autore di rintracciare in alcuni sistemi internazionali di soft law embrioni di costituzioni civili. Il quinto paragrafo del quinto saggio di Teubner è intitolato “Le caratteristiche fondamentali delle costituzioni civili. L’esempio della costituzione digitale.” In sintesi le caratteristiche descritte dall’autore sono le seguenti:
1- Accoppiamento strutturale tra sottosistemi e diritto.
2- Gerarchia delle norme
3- Revisione giudiziaria delle norme
4- Costituzione duale del settore organizzato e spontaneo.
E’ evidente che, secondo il suo modello, il sistema della lex digitalis è approssimativamente il sistema meno adatto a dare vita ad una costituzione civile – e quindi quello più incline a istituzionalizzarsi come legge corrotta. L’accoppiamento strutturale, infatti, è rintracciabile soltanto nella tutela della proprietà privata, sia sulla superficie del cyberspazio (il web, il p2p), sia nelle sue aree strutturali ed infrastrutturali (personal computer, sistemi di telecomunicazione, protocolli). Altri principi democratici, come l’autodeterminazione, il diritto all’opposizione, la partecipazione estesa, vengono largamente negati con espedienti tecnici ed architetturali. Eppure, Teubner afferma: “Dal punto di vista politico il punto non è tanto, come pensano Lessig e altri, quello di contrastare lo sviluppo di un cybercorporativismo, quanto quello di stabilizzare e garantire istituzionalmente la stessa differenza spontaneo/organizzato”. Ciò che sfugge a Teubner, ma che d’altra parte nemmeno Lessig teorizza, è che il sistema della lex digitalis ha già una sua propria gerarchia delle norme – tutt’altro che eterarchica. Gli spazi cibernetici infatti sono generati da strutture ed infrastrutture altamente normate che, come le “norme secondarie” di cui parla Herbert Hart, “producono il diritto” nel cui contesto a loro volta sono prodotte le norme primarie, che regolano la condotta. Il problema fondamentale, nel caso della lex digitalis, è quindi un mal compresa gerarchia delle fonti, che inficia anche i processi simultanei di generalizzazione e ri-specificazione. Nelle aree strutturali ed infrastrutturali, il cyberspazio prevede l’assenza totale del settore spontaneo, essendo normato da un esiguo numero di agenti sociali organizzati. Inoltre, è proprio l’accoppiamento strutturale del sistema Internet con il diritto – si pensi alla tutela fornita dagli stati nazionali al copyright sui codici che governano i nostri computer - che ne pregiudica le capacità di una comunicazione trasparente e partecipata, condizione affinché i nodi si osservino reciprocamente e creino un ambiente adattivo autonomo. Il cyberspazio a cui fa riferimento Teubner è il web, la superficie di Internet, con i suoi contenuti in movimento che ledono i diritti di proprietà. Strutture ed infrastrutture delle reti non sono tematizzate dall’autore, che in ciò è accomunato a molti giuristi (ma anche sociologi ed economisti) che prendono il ciberspazio come una di quelle “black blox” ormai a-problematiche di cui parla Bruno Latour in “La Scienza in Azione”. Tale mancanza non gli consente di rintracciare proprio quei processi societari di normazione e quei regimi privati più avanzati e potenti della lex digitalis.
Aldilà delle questioni di merito, è possibile muovere,a mio avviso, anche alcune osservazioni alla cornice teorica complessiva del giurista tedesco.

Teubner apre il suo secondo saggio con una critica, piuttosto frettolosa, all’impianto concettuale della world system analysis. “Occorre anzitutto abbandonare l’errata interpretazione delle “economie globali” proposta da Wallerstein, secondo cui l’affermarsi della società mondiale deriverebbe in buona sostanza da un processo economico. Dobbiamo invece prendere sul serio i processi autonomi di globalizzazione che hanno origine nelle diverse sfere sociali in parallelo alla globalizzazione economica.” Indicare Wallerstein quale esempio di riduzionismo politico-economico per dissertare del concetto, supposto antitetico, di globalizzazione policentrica, è a mio avviso una mossa poco fruttuosa all’indagine che Teubner si prefigge. Innanzitutto perché la prospettiva della world system analysis ha prodotto o comunque ispirato lavori interessanti anche su un livello di analisi “micro”, che hanno arricchito in flessibilità ed adattabilità il modello originario di Wallerstein e Hopkins. Lavori ai quali non si può non far riferimento se si vuole davvero tracciare un modello di analisi utile a descrivere ed interpretare la costituzionalizzazione dei regimi privati globali. Lo scontro con Wallerstein, fugace quanto ricercato –quasi a chiamare un’appartenenza a quel post-modernismo più entusiasta, tradendo così per un istante la funzione epistemologica del suo stesso modello - non tiene conto che nel rintracciare i soggetti normanti, i loro campi autonomi di normazione, l’assetto delle forze relative, la qualità del potere che si esercita su quei meccanismi da sottoporre a pubblico giudizio, il lavoro di Wallerstein e di coloro che ne sono stati influenzati e diretti è imprescindibile. Se l’etichetta di “riduzionismo politico-economico” per la world system analysis appare una forzatura (e nel caso di un approccio critico equivale a quella di “vetero-marxista”), una domanda non posta risuona tra le pagine teubneriane: “Come mai, in tutti i casi analizzati, tra le parti in contenzioso è sempre presente una grande organizzazione economica con relazioni multinazionali?”.
Il conflitto d’interpretazione, a mio parere, è un limite alla ricerca in quanto, piuttosto che riguardare gli obiettivi ed i temi dell’analisi, si origina sul piano degli assunti (proprio laddove la logica dell’abbandono di una prospettiva è la meno produttiva). In sintesi, la prospettiva wallersteiniana parte dall’assunto, ereditato da Fernand Braudel, che l’agire collettivo umano non avviene in sfere autonome e separate con logiche specifiche, una politica, una economica e una socio-culturale. Ciò appare a Teubner un paradosso, che risolve rintracciando una tendenza ad assolutizzare le dinamiche politiche ed economiche a scapito di quelle sociali e culturali. Parafrasando le sue argomentazioni, mi sembra possibile risolvere il paradosso in modalità più creative. E’ possibile e necessario infatti indagare le logiche comuni dell’agire collettivo umano in determinati sistemi mondo passando attraverso l’analisi degli “ipercicli comunicativi” che si cristallizzano in istituzioni e sistemi giuridici relativamente autonomi (autopoietici, non autarchici) che sono vincolati alle logiche fondamentali del sistema in maniera duale: sia in ingresso (essendo inevitabilmente pervasi da tali logiche), sia in uscita (producendo, ad esempio, quelle tendenze espansive dei sottosistemi che lo stesso Teubner individua come deleterie per la democrazia ed il pluralismo).
In conclusione, ritengo che la “de-paradossizzazione” tra gli assunti di Teubner e quelli di Wallerstein costituisca una portentosa via per l’indagine dei fenomeni della globalizzazione e dei processi normativi contemporanei, sia che essi intervengano nelle relazioni commerciali internazionali, sia che stabiliscano una costituzione cibernetica.



Tutti i libri di Gunther Teubner
La cultura del diritto nell'epoca della globalizzazione. L'emergere delle costituzioni civili
Diritto policontesturale: prospettive giuridiche della pluralizzazione dei mondi sociali
Il diritto come sistema autopoietico



Libri di Diritto internazionale (2006-2004)
Ciciriello M. Clelia. Appunti delle lezioni di diritto internazionale
Bioetica e biotecnologie nel diritto internazionale e comunitario. Questioni generali e tutela della proprietà intellettuale
Picone Paolo. Comunità internazionale e obblighi «erga omnes»
Persano Federica. La cooperazione internazionale nello scambio di informazioni. Il caso dello scambio di informazioni in materia tributaria
Corso di diritto internazionale. Vol. 2: Trattati, norme generali, adattamento-Responsabilità.
Cassese Antonio. Diritto internazionale
Conforti Benedetto. Diritto internazionale
Ronzitti Natalino. Diritto internazionale dei conflitti armati
Marini Luca. Il diritto internazionale e comunitario della bioetica
Gioia Andrea. Diritto internazionale. Tutto il programma d'esame con domande e risposte commentate 2006
Trione Filiberto. Divieto di crimine di tortura nella giurisprudenza internazionale
Quadri Susanna. Le migrazioni internazionali. Da una disciplina statale dell'immigrazione al diritto internazionale delle migrazioni
Saccucci Andrea. Le misure provvisorie nella protezione internazionale dei diritti umani
Del Vecchio. New International Tribunals and New International Proceedings
Quale diritto nei conflitti armati? Relazioni e documenti di Conferenze (Università di Milano Bicocca, marzo-maggio 2005)
Schemi & schede di diritto internazionale
Triggiani Ennio; Villani Ugo. Studi sull'integrazione europea
La tutela internazionale dei diritti umani
Di Lieto Anna. Attività nucleari e diritto internazionale
Il caso Tellini. Dall'eccidio di Janina all'occupazione di Corfù
Mandel Michael. Come l'America la fa franca con la giustizia internazionale. Guerre illegali, danni collaterali e crimini contro l'umanità
Vitoria Francisco de. De iure belli. Testo latino a fronte
Campanale Stelio. Diritto del commercio internazionale e normativa comunitaria
Strozzi Girolamo. Diritto dell'Unione Europea. Parte istituzionale. Dal trattato di Roma alla costituzione europea
Frau Aventino. Il diritto della cooperazione internazionale allo sviluppo
Il diritto internazionale dell'ambiente dopo il vertice di Johannesburg
Treves Tullio. Diritto internazionale. Problemi fondamentali
Balbo Paola. Diritto penitenziario internazionale comparato
Diritto tributario internazionale
Aloisio Salvatore; Rognoni Vercelli Cinzia. L' Europa nel nuovo ordine internazionale
Formazione del diritto comunitario e internazionale e sua applicazione interna
Governare la globalizzazione. Guida per cittadini del mondo alla scoperta della global governance
Barbara Giovanni. Guida pratica di diritto tributario internazionale: l'IVA nei rapporti con l'estero
De Bellis Saverio. L' intermediazione in diritto internazionale privato
Bernardini Aldo. La Jugoslavia assassinata
Albano Antonio; Lanzaro Antonio; Pecoraro M. Luisa. Legislazione internazionale
Cestra Paolo; Butini Giorgio. Missioni di polizia internazionale
Gitti Angelo. Modelli di democrazia e diritto internazionale
La nouvelle charte arabe des droits de l'homme. Dialogue italo-arabe. Actes de la Table ronde italo-arabe (Messina, 17-18 décembre 2004)
I nuovi orizzonti per la pace e la sicurezza internazionale. La diplomazia multilaterale nell'attuale fase delle relazioni internazionali
Panebianco Massimo. Prelezioni di diritto internazionale
Ferola Laura. Il riciclaggio dei proventi illeciti nel diritto internazionale
I sessanta anni della SIOI. Cronache e memorie 1944-2004
Mazzoleni Maddalena. La tutela dei beni culturali nel diritto internazionale e comparato
Borghi Paolo. L' agricoltura nel Trattato di Marrakech. Prodotti agricoli e alimentari nel diritto del commercio internazionale
Rizzo Alfredo. L' allargamento ad est dell'Unione Europea. Problematiche del trattato di adesione
Florenzano Damiano. L' autonomia regionale nella dimensione internazionale. Dalle attività promozionali agli accordi ed alle intese
Pavoni Riccardo. Biodiversità e biotecnologie nel diritto internazionale e comunitario



Libri di Diritto internazionale (2003-2001)
Stellato Gabrielli Joy. Indigenous peoples and land right
L' internazionalizzazione dei mezzi di comunicazione e la sovranità statale
Garofalo Luciano. Interpretazione e conflitti di leggi
Tanzi Attila. Introduzione al diritto internazionale contemporaneo
La justice penale internationale dans les decisions des tribunaux ad hoc. Etudes des Law Clinics en droit penal international
Oddenino Alberto. Pacta sunt servanda e buona fede nell'applicazione dei trattati internazionali. Spunti ricostruttivi
Starita Massimo. Processi di riconciliazione nazionale e diritto internazionale
Campiglio Cristina. Procreazione assistita e famiglia nel diritto internazionale
Le relazioni internazionali dell'Unione Europea dopo i trattati di Amsterdam e Nizza
Focarelli Carlo. Schemi delle lezioni di diritto internazionale
Conforti Benedetto. Scritti di diritto internazionale
Pustorino Pietro. La successione degli Stati nel debito pubblico
Spatafora Ersiliagrazia; Cadin Raffaele; Carletti Cristiana. Sviluppo e diritti umani nella cooperazione internazionale. Lezioni sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo umano
La tutela internazionale dei diritti umani
Roscini Marco. Le zone denuclearizzate
Ciciriello M. Clelia. L' aggressione in diritto internazionale. Da «crimine» di Stato a crimine dell'individuo
Ago Roberto. Caratteri generali e origini storiche della comunità internazionale e del suo diritto. Introduzione al corso di diritto internazionale
Bassan Fabio. Concorrenza e regolazione nel diritto comunitario delle comunicazioni elettroniche
Castellaneta Maria. La cooperazione tra Stati e tribunali penali internazionali
Corso di diritto tributario internazionale
Romano Giovanni; Parrotta Domenico A.; Lizza Egidio. Il diritto ad un giusto processo tra Corte internazionale e corti nazionali. L'equa riparazione dopo la Legge Pinto. Con CD-ROM
Iadecola Gianfranco. Diritto costituzionale italiano-europeo. Elementi di diritto internazionale
Picone Paolo; Ligustro Aldo. Diritto dell'Organizzazione mondiale del commercio
Sapienza Rosario. Diritto internazionale. Casi e materiali
Dordi Claudio. La discriminazione commerciale nel diritto internazionale
Groundwater law and administration for sustainable development
La guerra. Profili di diritto internazionale e diritto interno
Human rights, people rights. Paths of reflection
International law and protection of mountain areas-Droit international et protection des regions de montagne
Legislazione internazionale e comparata dei beni culturali
Ferrari Bravo Luigi. Lezioni di diritto internazionale
Focarelli Carlo. Lezioni di storia del diritto internazionale
Bortolotti Fabio. Manuale di diritto commerciale internazionale. Vol. 3: La distribuzione internazionale. Contratti con agenti, distributori ed altri intermediari.
Materiali di diritto tributario internazionale
Kojanec Giovanni. Norme sulla cittadinanza italiana. Riflessi interni ed internazionali
De Sena Pasquale. La nozione di giurisdizione statale nei trattati sui diritti dell'uomo
Consolo Claudio. Nuovi problemi di diritto processuale civile internazionale
Majocchi Antonio; Preda Daniela. Per una nuova governance europea
Prepararsi per l'esame di diritto internazionale
Lang Alessandra. Le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e l'Unione Europea
De Guttry Andrea; Pagani Fabrizio. Sfida all'ordine mondiale. L'11 settembre e la risposta della comunità internazionale
Cortese Bernardo. Il trasferimento di tecnologia nel diritto internazionale privato. Licenza e cessione di privative industriali e know-how
Maffei M. Clara. Tratta, prostituzione forzata e diritto internazionale. Il caso delle «donne di conforto»
Ars interpretandi. Vol. 6: Giustizia internazionale e interpretazione.
Aspetti dell'integrazione regionale latinoamericana. Atti del Convegno (Roma, 13 gennaio 2000)
Zhenya Liu; Clini Eugenio. China's economy at the turn of the millennium
Conso Giovanni; Saccucci Andrea. Codice dei diritti umani. Nazioni Unite, Consiglio d'Europa
Rottola Alessandro. Controllo giurisdizionale e atti politici nel diritto dell'Unione Europea e nel diritto interno in materia internazionale



Parole chiave: giurisprudenza , Globalizzazione , Diritto , Sociologia , Gunbther Teubner , Sociologia del Diritto




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Questa notizia non ha ancora ricevuto commenti



Aggiungi un tuo commento per questa news
Titolo del post(*):
Testo del post:(*)
(*)Questo campo è obbligatorio


Seatwave

I libri di testo adottati nelle Università italiane, divisi per corsi di laurea e facoltà.

Ogni testo riportato ha un link diretto alla sua scheda descrittiva. Puoi comprarlo comodamente da casa presso le principali librerie on-line e riceverlo, anche in contrassegno, in 3-4 giorni lavorativi.

Libri di Scienze della Comunicazione
Libri di Sociologia
Libri di Discipline letterarie
Libri di Beni Culturali
Libri di Filosofia
Libri di Scienze politiche
Libri di Economia Aziendale
Libri di  Gestione delle Amministrazioni Pubbliche
Libri di  Economia e Amministrazione delle Imprese
Libri di Lingue e Letterature Straniere
Libri di Ingegneria Chimica
Libri di Ingegneria Edile e Ambientale
Libri di Ingegneria Gestionale
Libri di Ingegneria Civile
Libri di Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
Libri di Ingegneria Elettronica
Libri di Ingegneria Meccanica
Libri di Ingegneria Informatica
Libri di Chimica

Libri di Fisica

Libri di Matematica
Libri di Informatica
Libri di Valutazione e Controllo ambientale
Libri di Scienze della Formazione
Libri di  Tecnologie Erboristiche
Libri di  Chimica e Tecnologie Farmaceutiche
Libri di Farmacia
Libri di Medicina
Libri di Giurisprudenza
Libri di Architettura
Libri di Arte e Storia dell'Arte


Popular Tag List
Extended popular tag list
news
Scuola di specializzazione in diritto civile Camerino
Convegno su "Il controllo di legittimità costituzionale e comunitaria come tecnica di difesa, Corte costituzionale e spagnola a confronto".

Libri Universitari
LIBRI DI SOCIOLOGIA
Per cercare i testi adottati presso i Corsi di Laurea in Sociologia usa il box sottostante.

La grande trasformazione

Compendio di diritto dell'Unione europea (diritto comunitario)

Diritto ed economia dei mezzi di comunicazione (2004). Vol. 1 e 2

Lezioni di istituzioni di diritto privato

The Suppression of the African Slave-Trade to the United States of America 1638-1870 (Dodo Press)

Codice di procedura penale annotato con la giurisprudenza

Diritto amministrativo. Vol. 2: Atti e ricorsi.

Codice civile 2006. Annotato con la giurisprudenza. Leggi complementari e schemi

Il codice amministrativo

Linguaggio e regole del diritto privato. Nuovo manuale per i corsi universitari

  cerca università
Ricerca Rapida   %  

Libri americani e inglesi libri universitari in inglese
Libri Inglesi e Americani
Titolo
Autore
Editore
Argomento
Isbn

Libri tedeschi libri universitari in tedesco
Libri Tedeschi
Titolo
Autore
Editore
Collana
Argomento
Isbn

Libri spagnoli libri universitari in spagnolo
Libri Spagnoli

BUSCADOR

Más opciones de búsqueda


dizionari

Dizionari

Italiano-cinese, cinese-italiano

Russo-italiano, italiano-russo.

Deutsch-Italienisch, italiano-tedesco.

Portoghese-italiano, italiano-portoghese

Italiano-arabo, arabo-italiano

Italiano-catalano, catalano-italiano

Francese-italiano

Spagnolo-italiano, italiano-spagnolo

Dizionario inglese Hazon 2007



codici

Codici

Codice tributario

Codice di procedura penale annotato con la giurisprudenza

Codice di procedura civile 2006. Annotato con la giurisprudenza. Leggi complementari e schemi

Codice civile annotato con la giurisprudenza vol. 1-2

Il codice di diritto ecclesiastico

Codice del non profit. Fisco, onlus, enti ecclesiastici

Il codice amministrativo




La Champions League entra nel vivo con le ultime partite utili per le qualificazioni alle fasi finali. Le quattro sqaudre italiane sono ancora in lizza, ed è forte la speranza che lo sport italiano abbia il suo momento di gloria anche in Champions. Ecco dove acquistare i biglietti per le prossime partite della fase a gironi di Champions.



Biglietti U2

Biglietti Metallica